Landini a Milano, la sfida più importante

Maurizio Landini è arrivato in mattinata a Milano, per partecipare ai lavori del IX congresso della Camera del Lavoro (qui la diretta), accolto dal calore di tanti delegati. In quella Milano, ironia della sorte, guidata da Massimo Bonini, uno dei quindici firmatari dell’ordine del giorno presentato – e poi rovinosamente ritirato – all’ultimo direttivo nazionale della Cgil. Un documento, come ricorderà chi ci legge, fortemente critico nei confronti di Susanna Camusso, sostenuto da una piccola pattuglia di dirigenti che fanno capo all’area migliorista del sindacato rosso. Ad accogliere Landini anche Antonio Pizzinato, ex segretario generale della Cgil, dal 1986 al 1988, subito dopo Luciano Lama e prima di Bruno Trentin.

pizzinatolandini

Ad accogliere l’ex segretario della Fiom, c’è anche un altro Landini, Stefano (non sono parenti), influente e autorevole segretario regionale dei pensionati lombardi, considerato un pontiere e un prezioso tessitore nella partita interna per la successione a Susanna Camusso. Segni di disgelo con lo Spi? Si vedrà. Intanto tra i due Landini sembra correre buon sangue. Ad accostarsi a Landini anche Adriano Sgrò, esponente dell’area Democrazia e Lavoro, schierata ad oggi, per questioni – dicono – di metodo, contro la proposta di Susanna Camusso e più propensa a sostenere Vincenzo Colla, nell’eventualità si candidasse. Il coordinatore nazionale dell’area sindacale, ricordiamo, figura anch’esso tra i quindici firmatari dell’ordine del giorno contro Camusso e Landini.

 

Intanto, il congresso di Milano, è iniziato con la lunga relazione di Bonini. Sulle vicende interne, il giovane segretario ha detto: “La Cgil sta affrontando un momento delicato. Al Congresso Nazionale di gennaio, a Bari, è previsto il cambio del Segretario Generale. Una fase inedita. Compagni dobbiamo restare uniti. Fermiamoci prima che sia troppo tardi”. Poi ha parlato delle grandi sfide che attendono il sindacato, soffermandosi sul tema della contrattazione dell’algoritmo. Ha criticato il ruolo della Ces (il sindacato europeo) che sarebbe “poco incisivo”. Ha, infine, elencato le iniziative che la Cgil di Milano ha messo in campo, la camera del lavoro mobile (assieme allo Spi), il delegato sociale. Ha richiamato il ruolo fondamentale dei servizi che vanno, secondo Bonini, digilizzati per far sì che rispondano meglio alle esigenze degli iscritti. Non ha accennato, il segretario, forse per questione di tempo, ad un bel progetto della Camera del Lavoro di Milano, di cui gli va dato merito e che può essere da modello anche per le altre realtà: il progetto “Biografie sindacali” che ricostruisce la storia della Cgil milanese attraverso le vite delle protagoniste e dei protagonisti della Cgil di Milano. Un’iniziativa di grande livello a cui questo blog dedicherà presto un post specifico.

SEGUI FORTEBRACCIO SU FACEBOOK

Landini terrà domani la conclusione del congresso di Milano. Un banco di prova decisivo, il confronto diretto con la platea congressuale della più importante Camera del Lavoro d’Italia. Sarà importante registrare, nel corso delle conclusioni, le reazioni dei delegati e dello stesso Bonini. Oggi, gli umori, in platea, sembrerebbero molto positivi.

Fortebraccio

 

Un pensiero riguardo “Landini a Milano, la sfida più importante

  1. Solo una precisazione
    Le obiezioni dell’area Democrazia e Lavoro sono, come tu scrivi, solo di metodo.
    Abbiamo contestato il metodo dell’investitura e abbiamo richiamato i principi di collegialità dello statuto, che affidano all’assemblea generale la decisione sul nuovo segretario.
    La propensione a sostenere Colla non è mai stata discussa né tanto meno decisa.
    Siamo a una fase preliminare
    Quello che ci preme è difendere la collegialità, il pluralismo, l’utilità di una dialettica interna, principi che non possono essere “superati” da garanzie implicite nella candidatura di Landini, nei cui confronti peraltro non esistono obiezioni di merito.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...