Sul congresso Cgil cala il silenzio dei big

Dopo settimane di dibattito sui social e di esternazioni non sempre contenute nei toni, sul congresso è calato il silenzio dei grandi protagonisti di casa Cgil. Niente più post su Facebook, ad eccezione, come abbiamo visto, di Nicola Nicolosi, uno dei quindici firmatari dell’ordine del giorno contro Camusso e Landini che l’altro ieri ha diffuso una nota urbi et orbi su Facebook lamentando, tra l’altro, l’uso delle “etichettature”, cioè delle categorie di “destra” e “sinistra”, applicate ai gruppi dirigenti della Cgil. Dimenticando, forse, che lui stesso, nell’aprile del 2017, a Bologna, parlava di “destra interna all’organizzazione”. Qui un estratto video:

 

IL SILENZIO DEI BIG

E dunque silenzio. Rumoroso silenzio. Tutti abbottonatissimi. Forse per senso di responsabilità? O forse perché i social, effettivamente, non sono il terreno di battaglia più favorevole per veicolare argomenti e tecnicalità caratterizzate da un’elevata complessità teorica. Partiamo da Susanna Camusso. La segretaria generale della Cgil non ha un profilo Facebook, se non quello della campagna I Stand With Susanna, dedicato alla candidatura a segretaria dell’Ituc, il sindacato mondiale. Su Facebook, Susanna Camusso è entrata nel merito delle vicende congressuali solo una volta, attraverso i canali ufficiali della Cgil, per lanciare, con piglio “istituzionale”, il resoconto video della segreteria dell’otto ottobre. Ha invece un account Twitter in cui, però, non ha mai fatto cenno alle vicende interne.

SEGUI FORTEBRACCIO SU FACEBOOK

Maurizio Landini. Pur disponendo di una pagina con quasi 70.000 iscritti, Landini non ha mai esternato su Facebook, nè sul congresso né su altro, tra i pochi, tra tutti i grandi protagonisti Cgil. L’ultimo aggiornamento della pagina risale al febbraio 2017. Esistono, tuttavia, altre tre o quattro pagine autogestite spontaneamente da sostenitori di Landini (di cui parleremo nel dettaglio in altro post) che si soffermano anche sulla sua candidatura a segretario.

Vincenzo Colla. Dopo la polemica, indirettamente congresssuale, sulla presenza del ministro Paolo Savona alle giornate di Lecce, Vincenzo Colla, dal suo profilo Facebook, creato da qualche mese, non ha mai esternato sul congresso. Dopo un periodo di grande attivismo social, dedicato per lo più a questioni sindacali, i suoi aggiornamenti si fermano al 17 ottobre. Dopodiché silenzio.

SEGUI FORTEBRACCIO SU TWITTER

Emilio Miceli. E’ uno dei più prolifici “contributor” del dibattito congressuale sui social. Anche se, i suoi contenuti, si caratterizzano per l’alto livello dei ragionamenti, mai banali, condivisibili o meno. L’ultimo aggiornamento sul suo profilo Facebook risale al 23 ottobre: un articolo pubblicato sul diario del Lavoro in cui elenca tutti quelli che, a suo parere, sono stati gli errori di Susanna Camusso nella designazione di Landini.

miceli.png

Ivan Pedretti. Talvolta, sul suo profilo Facebook, si è soffermato sulle questioni congressuali, anche se in modo implicito o indiretto e comunque pacato. L’ultima volta il 31 ottobre, riprendendo un intervento tenuto in un congresso locale. Ha in più occasioni ribadito la necessità di “non fare il congresso su Facebook”.

pedretti.png

Alessandro Genovesi. Era partito lanciatissimo con alcuni post al limite della “provocazione”, poi si è “calmato”. Da tempo non parla di congresso su Facebook.

genovesi.png

Da segnalare pure che nessuno dei membri della segreteria nazionale, oltre quelli già citati, ha mai postato contenuti sulle vicende interne. Dei segretari nazionali di categoria, soltanto Claudio Treves (Nidil), ha affrontato, seppure con stile, i temi congressuali, rilanciando su Facebook un suo articolo pubblicato sul Diario del Lavoro. Lo stesso si può dire per i segretari regionali.

Vedremo se in prossimità del direttivo nazionale, convocato per l’11 novembre, si riaccenderà o meno il dibattito sui profili social dei protagonisti del percorso congressuale.

Fortebraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...