Il Piemonte è con Camusso e Landini

E’ iniziato ieri e si concluderà oggi, con la votazione dei nuovi organismi, il congresso regionale della Cgil piemontese. Ad aprire i lavori, dopo i saluti degli ospiti, il segretario generale uscente Pier Massimo Pozzi, che nella sua relazione ha affrontato i grandi temi dell’attualità politica e sindacale: legge di bilancio, pensioni, fisco, contrattazione. Sulle infrastrutture e sulla Tav, Pozzi si mantiene sulla linea della Cgil nazionale anche se, nel sindacato piemontese, si registra un clima fortemente dialettico.

SEGUI FORTEBRACCIO SU FACEBOOK

Pozzi si è soffermato anche sui modelli organizzativi del sindacato: “Siamo organizzati con un’impostazione di lavoro troppo maschile – ha detto Pozzi – e anche questo, insieme ai limiti culturali e di mentalità che ancora esistono, riduce l’opportunità per le donne di esercitare incarichi di direzione. C’è una oggettiva difficoltà a coinvolgere quadri giovani, stante i percorsi di lavoro sempre più lunghi prima di arrivare al lavoro stabile, ma possiamo volgere il nostro sguardo alle associazioni di volontariato sociale in cui molti giovani si impegnano. I migranti infine non possono essere considerati solo come il nostro fiore all’occhiello: devono essere coinvolti e anche valutati nel lavoro sindacale, senza pregiudizi ma anche senza particolari benevolenze”.

Sul futuro della Cgil e sulla successione alla  carica di segretario generale Pozzi è stato esplicito: “Il diritto di Susanna Camusso ad avanzare una sua proposta”, registra che questa candidatura “raccoglie la maggioranza dei consensi del gruppo dirigente piemontese”.

Fortebraccio News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...