Il meritato riposo

Non certo un invito alla “rottamazione”, semmai alla “riconversione”, al passare il testimone, mettendo al servizio di chi vorrà raccoglierle, la propria esperienza e la propria saggezza. E’ questo il senso del messaggio che Bruno Papignani, segretario generale della Fiom Emilia Romagna, rivolge alle “persone che hanno dalla mia età in su”, e in particolare “a Bruno e Ivan”, di cui non fa i cognomi ma il riferimento è chiaro, cioè a se stesso e a Ivan Pedretti, segretario generale dello Spi Cgil, uno dei maggiori (forse il principale) “sponsor” della probabile candidatura di Vincenzo Colla a segretario generale della Cgil, alternativa a quella di Maurizio Landini: “Le persone che hanno dalla mia età in su”, osserva Papignani, “e che il tempo lì ha resi, se non più saggi sicuramente maturi di esperienza, militanti abituati allo scontro politico interno, oltre che esterno, proprio per l’esperienza maturata sanno ( anche quando non lo dicono) che oggi l’ unità della Cgil è la cosa più preziosa. Sopratutto l ‘unità con gli iscritti, con la base che deve ampliarsi non restringersi. Questa unità va trovata attorno a Maurizio Landini come segretario generale della Cgil. Fatto questo, la mia generazione e oltre deve fare un passo indietro,non solo per godersi un meritato riposo, ma per avere il tempo di comporre idee che l’esperienza può produrre e metterle a disposizione gratuitamente di chi vorrà raccoglierle. Col il necessario distacco dal protagonismo in prima persona. Questo dovrebbero fare i “Bruno e gli Ivan” dopo il congresso nazionale della Cgil”.

Fortebraccio News

4 pensieri riguardo “Il meritato riposo

  1. errore cari: invece si riferisce si a Pedretti ma a Bruno Pizzica segretario dello SPI regionale di Emilia Romagna, sostenitore di altra candidatura invece di Landini.

    "Mi piace"

  2. Giusto!!! Lo SPI deve farsi da parte, gli anziani davanti al camino a raccontare le storielle ai nipoti, mentre tutti gli altri ad arrampicarsi su quello che resta della CGIL ridotta a luogo di esercizio oratorio landiniano.

    "Mi piace"

  3. Certamente no. Del sempre prezioso contributo dei pensionati ci sarà sempre bisogno (magari con qualche elemento di riforma riguardo al rapporto tra Confederazione e SPI). Ma è del tutto evidente che se il Segretario non sarà Landini, temo si dovrà passare i prossimi 4 anni a spiegare alla stragrande maggioranza degli iscritti che lo vuole tale perché è successo…

    "Mi piace"

  4. Cosa bisogna riformare? se non sbaglio io SPI nelle platee congressuali confederali è dimezzato come pure negli organismi. Inoltre le segreterie SPI a tutti i livelli sono composte dalla metà di funzionari generalmente indicati dalla CGIL. Inoltre ad ogni congresso torna l’argomento, caro alla FIOM, che i pensionati debbano essere iscritti ai sindacati di categoria di provenienza, ignorando che allo SPI sono iscritti oltre 500 mila ex autonomi. (li mandiamo alla CNA?). Una scelta che sarebbe suicida e sbagliata e solo per fare cassa.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...