Caro Genovesi, in piazza oggi c’era un popolo che merita rispetto

La prima bordata contro la – riuscitissima, pacifica e civilissima – manifestazione del movimento No Tav a Torino arriva da Alessandro Genovesi, segretario della Fillea, che definisce il corteo “un miscuglio di protesta” fatto “di anarchici, gillet gialli, usb e cobas”. No, Genovesi, non erano anarchici e centri sociali quelli che hanno sfilato oggi a Torino. Ma era un popolo intero che da anni si batte contro un’opera considerata – a torto o a ragione – inutile e costosa. Pur comprendendo le ragioni “deontologiche” di Genovesi che, essendo segretario degli edili, forse, breznevianamente, costruirebbe un ponte anche dove non c’è un fiume, pensiamo che liquidare in questi termini una manifestazione democratica di popolo, circa 70.000 partecipanti, al di là del merito, la dice lunga sul perché i corpi della rappresentanza siano in crisi.

corteoimmenso.jpg

Molti di quelli che hanno manifestato oggi, tra l’altro, sono lavoratori, iscritti, dirigenti della Cgil, sono “popolo” della Cgil. E c’erano anche i sindaci, le comunità, le famiglie. E c’era anche l’Anpi.

anpi.jpg

Le manifestazioni, quando sono democratiche e civili, vanno sempre rispettate, anche quando non le si condivide (anzi, soprattutto quando non le si condivide), si lasci alla destra, ai Salvini, il linguaggio dello sfottò e del disprezzo verso chi ha un’idea diversa.

anarchici.png

2 pensieri riguardo “Caro Genovesi, in piazza oggi c’era un popolo che merita rispetto

  1. Non è che se le manifestazioni sono pacifiche siano giuste. Ma a parte questo la CGIL ha una posizione su questa opera? Mi pare di si e allora perché la Fiom fa come le pare? Che dicono Landini/Camusso?

    "Mi piace"

  2. La FIOM fa come ha sempre fatto, cioè: come le pare. Mi chiedo come avrebbe reagito la Fiom se La Fillea avesse aderito alle manifestazioni per la chiusura totale dell’ILVA a Taranto, dove per altro operai dipendenti, anche iscritti alla FIOM chiedevano e chiedono la chiusura. MA ESISTE LA CONFEDRAZIONE o siammo la somma dei sindacati di categoria? Non c’é niente di male in questo, ma bisogna dirlo. Genovesi non si scandalizzasse del fatto che la FIOM di Landini prosegue imperterrita per la strada dell’indipendenza visto che questa strategia ha prodotto un candidato a probabile segretario generale. Poi l’ANPI alla manifestazione è come il cavolo a merenda a meno che dietro la TAV non ci sia un pericolo per la democrazia e del ritorno del fascismo. Ma se è così ditelo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...