Ecco cosa andrà a fare Landini nelle zone colpite dal terremoto

A dieci anni dal devastante terremoto dell’Abruzzo, il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, visiterà, per tre giorni le aree terremotate dell’Italia centrale. Una full immersion che si snoderà in oltre 10 tappe, attraverso quattro regioni – Marche, Lazio, Abruzzo e Umbria – e che coinvolgerà, oltre alle strutture locali della Cgil, anche la popolazione con l’obiettivo di riorganizzare i servizi primari, lo spopolamento e l’impoverimento delle zone colpite dagli eventi sismici. E dunque, incontri con i cittadini e i sindaci e tante altre iniziative molto concrete. Si inizia il 4 aprile, ad Arquata del Tronto e si proseguirà per Amatrice, Accumoli. Muccia, Teramo, Castelli fino a L’Aquila dove si terrà, il 5 aprile, uno degli appuntamenti clou, la presentazione di alcuni progetti innovativi e ad alto impatto occupazionale e sociale. Tra questi, assieme ai segretari di Cisl e Uil, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, Landini illustrerà uno dei progetti finanziati, nell’area del cratere, con le sottoscrizioni di lavoratrici e lavoratori, imprese, cooperative. Si chiama “Territori Aperti” ed è promosso da Cgil-Cisl-Uil con l’università di L’Aquila. Previste, borse di studio, master e altro sullo studio e la documentazione di fenomeni sismici, in rapporto con altre università europee. Saranno tanti i ricercatori e gli studenti impegnati e tutto rendicontato, attraverso un sito, euro per euro. Progetti e contributi concreti per un territorio che con fatica sta provando a risollevarsi dalle drammatiche conseguenze del terremoto.

Ma a L’Aquila, il 5 aprile, sarà anche una giornata dedicata alla memoria in occasione del decennale del terremoto che ha distrutto la città e colpito oltre cento comuni abruzzesi alle 3.32 nella notte tra il 5 e il 6 aprile 2009.

Qui tutti gli appuntamenti segnalati da Rassegna Sindacale.

4 aprile alle ore 10.30 nella struttura Polivalente di Pretare, frazione di Arquata del Tronto (AP). Nel pomeriggio tappa ad Accumoli (ore 15) e poi ad Amatrice (ore 17), nel reatino.

5 aprile a L’Aquila, alle 10, presso l’Auditorium del Parco, Cgil, Cisl e Uil promuovono unitariamente il convegno dal titolo ‘Territori aperti’ al quale parteciperanno i tre segretari generali Maurizio LandiniAnnamaria FurlanCarmelo Barbagallo. Nel corso dell’iniziativa, organizzata a dieci anni dal terremoto che ha distrutto il capoluogo abruzzese, verranno presentati i progetti nati grazie al ‘Fondo territori lavoro e conoscenza’ di Cgil, Cisl, Uil in collaborazione con il Comune e con l’Università degli Studi dell’Aquila. Alle 15.30 Castelli (Istituto d’Arte) e alle 17.30 a Teramo (sala Ipogea – Piazza Garibaldi).

6 aprile. Si riparte con un’iniziativa alle ore 11.30 nei giardini pubblici di Muccia nel maceratese, nelle Marche. Poi ultime due tappe in Umbria, la prima alle 16 a Norcia (sede della Cgil, via Giovanni XXIII), la seconda alle 18.30 Spoleto (villa Redenta)

La tre giorni di Landini sarà documentata da Radio Articolo 1.

Fortebraccio News

Un pensiero riguardo “Ecco cosa andrà a fare Landini nelle zone colpite dal terremoto

  1. Ma lo scopo qual è? Non è mica il Papa o un ministro. Va bene la solidarietà nei confronti di chi soffre, ma questa mi sembra una visita pastorale senza scopo utile per i terremotati: Landini batte Salvini 1a 0. Possibile che un sindacalista quando non ha nulla da dire la butta in politica?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...