Molestie sessuali su due lavoratrici. Condannato dirigente d’azienda – Valentina Borzì

Molestava due lavoratici di una ditta di pulizie approfittando, tra l’altro, della sua posizione gerarchica. E lo faceva con ripetute vessazioni a sfondo sessuale, sicuro di non subirne le conseguenze. A Enna, il responsabile di una società che gestisce il servizio di pulizia negli enti pubblici, è stato condannato a due anni e quattro mesi, più il pagamento delle spese processuali, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici attinenti alla tutela e alla curatela e ai risarcimenti alle vittime, per aver sottoposto a molestie sessuali, palpeggiamenti e proposte oscene due operaie che lavoravano sotto la sua direzione. Per sentirsi più al sicuro, il molestatore quarantanovenne agiva quando gli uffici erano chiusi al pubblico.

Le lavoratrici, stanche delle vessazioni, si sono rivolte alla Filcams Cgil di Enna che ha garantito supporto sindacale e legale alle due operaie, seguendo tutte le fasi del processo. I sindacalisti sono stati pure sentiti durante le fasi processuali: “Siamo impegnati a contrastare gli attacchi alla libertà sessuale delle donne, specialmente le azioni che ledono la dignità della donna nei luoghi di lavoro”, hanno commentato i dirigenti sindacali.

La questione della condizione delle donne dentro i luoghi di lavoro (ma anche fuori), a cominciare dalla parità ma anche dalle discriminazioni, è da tempo al centro dell’azione del sindacato. Susanna Camusso, da segretaria generale della Cgil prima e da responsabile del dipartimento politiche di genere oggi, l’ha sempre considerata una priorità, tanto da dedicare al tema una grande campagna di lotta e di sensibilizzazione che è poi diventata una riuscitissima parola d’ordine del sindacato: “Belle Ciao”.

Episodi come quello di Enna, purtroppo non raro, ci ricordano quanto importante e concreta sia questa battaglia politica, sindacale e culturale.

Valentina  Borzì

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...