“Basta cazzate, ad Amazon a licenziare non è il software ma la proprietà”

Per giorni si è discusso di un’inchiesta di The Verge  che avrebbe rivelato come nello stabilimento Amazon di Baltimora, a licenziare, sia un software che si chiama  ADAPT (Associate Development and Performance Tracker), un sistema di monitoraggio della produttività dei dipendenti che raccoglie le statistiche relative  al rendimento e quelli che vengono definiti Time off Task, cioè il tempo di pausa tra un’operazione e l’altra: “Se un dipendente riceve due avvisi formali o accumula sei notifiche semplici in un periodo di un anno” si legge nei documenti ottenuti grazie ad una disputa tra un dipendente licenziato e la società di Jeff Bezos, “il sistema genera automaticamente un avviso di licenziamento”. Il dibattito ha suscitato un certo clamore anche in Italia. L’idea che un algoritmo possa decidere chi licenziare, in effetti, suscita orrore.

amazonluna.png

Ma le cose stanno davvero così? A licenziare è un software? In realtà il monitoraggio della produttività è sempre esistito. Che poi, ad effettuarlo, sia una macchina o un supervisore umano poco cambia. Il software, programmato – da umani – su parametri definiti dall’azienda, raccoglie statistiche  ma poi a licenziare è la proprietà che ha sempre l’ultima parola sui provvedimenti da adottare contro i lavoratori, come spiega, con una battuta, il segretario nazionale della Fiom Michele De Palma.

depalma.png

E in effetti, attribuendo – impropriamente – al software il potere di licenziare, si rischia di sottrarre le aziende dalle proprie responsabilità. Accade ad Amazon ma accade anche nelle grandi multinazionali del Food Delivery come Glovo, Ubereats, Just Eat e Deliveroo che ha brevettato un software autoapprendente di nome Frank che indica le performance dei lavoratori assegnando loro dei punteggi di rendimento e, di fatto, stabilendo chi è produttivo e chi non lo è.

deliveroo.png

Da tempo, i rider, accusano le aziende di giocare a nascondino dietro gli algortimi. Ma a decidere chi licenziare, come dice De Palma, è sempre e solo la proprietà.

Fortebraccio News

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...