Ecco perché la lotta dei rider (oggi) rischia di essere di retroguardia

Questo blog guarda da sempre con interesse alla battaglia dei rider per ottenere migliori condizioni di lavoro. Ieri, i ciclofattorini di Glovo, a Bologna, hanno iniziato, come riporta la pagina Facebook di Union Riders Bologna, lo “sciopero contro il cottimo e l’abbassamento delle paghe”, annunciando che “la lotta non si fermerà sino a quando non ci saranno salari degni, assicurazione contro gli infortuni e tutti gli altri diritti che chiediamo da troppo tempo”.

glovobolognasciopero.png

Attenzione, fanno benissimo i rider a protestare e scioperare, anzi andrebbero sostenuti anche dai cittadini e dai consumatori. Ma la loro lotta, proprio per la natura e il livello delle attuali rivendicazioni delle organizzazioni di base dei ciclofattorini, rischia di essere di retroguardia, perché si muove dentro la logica, caldeggiata dalle piattaforme digitali, dell’attribuzione della natura autonoma ad un lavoro che, nei fatti, è dipendente. E oggi più di ieri. Sì, perché proprio ieri, a Firenze, è stato siglato, tra le organizzazioni sindacali e l’azienda “Laconsegna“, un accordo pilota che non solo riconosce la natura subordinata del rapporto di lavoro ma la riconduce al contratto nazionale della Logistica.

ridersfirenze

Un accordo, dunque, molto più avanzato della semplice richiesta di superamento del cottimo o del riconoscimento di un’assicurazione, perché prevede tutti i diritti che fanno capo al lavoro dipendente, compresi i livelli retributivi, le ferie, la malattia, la tredicesima, il Tfr e potremmo continuare. E oltretutto, con un contratto nazionale di tutto rispetto. E dunque, alla radicalità della lotta andrebbe coniugata la radicalità delle rivendicazioni, e cioè l’estensione del contratto nazionale a tutti i rider.

Fortebraccio

 

Un pensiero riguardo “Ecco perché la lotta dei rider (oggi) rischia di essere di retroguardia

  1. francamente, un abbaglio. Si sa che la via contrattuale, in assenza del riconoscimento legislativo ( o giurisprudenziale, e l’Italia è l’unico Paese in cui questo manchi) della subordinazione, non garantisce? Mi sa che lo si ignori

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...