Grazie Roma

Roma antifascista ieri ha risposto alla chiamata democratica, in uno dei giorni più cupi degli ultimi anni, quello in cui i fascisti, spalleggiati idealmente dal ministro dell’Interno, avrebbero voluto impedire la libera manifestazione del pensiero a Mimmo Lucano, sindaco di Riace, simbolo nel mondo di integrazione e accoglienza, costruttore del cosiddetto “Modello Riace”.

Nulla è più pericoloso per un fascista del “Modello Riace”. Perché è l’esatto contrario del fascismo: è solidarietà, uguaglianza, fratellanza. Per questo Lucano è considerato un nemico dalla destra squadrista che ieri ha sfidato i divieti della Questura per tentare di impedire a Lucano di tenere una lezione alla Sapienza di Roma. All’appuntamento si presentano una ventina di fascisti di Forza Nuova. Ma davanti all’università, in piazzale Aldo Moro, trovano ciò che non avrebbero voluto. Migliaia di studenti a protezione di Mimmo Lucano, una potente scorta civica per il sindaco di Riace. E non solo studenti ma anche associazioni, sindacati, militanti della sinistra più varia e semplici cittadini sconcertati dalle intimidazioni squadriste a Mimmo Lucano.

I fascisti, a quel punto, se la sono data a gambe ma non prima di aver creato qualche tafferuglio: un fascista ha mollato uno schiaffo ad uno studente.

Dentro l’aula magna di Lettere, che è gremita all’inverosimile, nel frattempo, Mimmo Lucano, accompagnato dal servizio d’ordine approntato dai metalmeccanici, prende parola. Dice cose semplici, come sempre: “Sono uno di voi, ho solo inseguito un sogno, l’umanità. E il sogno continuerà”. Dice di non essere un eroe e di non aver creato nulla di speciale se non un modello di integrazione funzionante. Che dovrebbe essere la normalità. E invece è l’eccezione nel paese dei fascisti al governo. Ma ieri a Roma è sbocciato qualcosa che Mimmo Lucano ha sintetizzato magistralmente: “Noi siamo l’onda rossa che sovrasta l’onda nera”.

Fortebraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...