Grazie Mark Zuckerberg

Il 9 settembre è un giorno nero per i fascisti di tutte le ere. Ma non nero nell’accezione identitaria-fascista, ma nero nero nel senso di sfortunato. E il giorno in cui, nel ’43, si costituì il comitato di liberazione nazionale che diede vita alla Resistenza e poi alla Liberazione.
Ma è anche il giorno, ironia della sorte, in cui il più popoloso social network del mondo, oltre due miliardi di utenti, ha bandito i fascisti dai propri spazi, negandogli una volta per tutte uditorio e platee. Gli esponenti dell’estrema destra, a partire dal leader di Casapound Simone di Stefano, hanno gridato al complotto massonico-giudaico, invocando democrazia, il che fa già ridere così.
facebook.jpg
Ora, al di là del parallelo storico tra il 1943 e il 2019 che serve giusto a fare un po’ di memoria, Casapound e Forza Nuova sono state bandite inaspettatamente da Facebook proprio nel giorno della discussione sulla fiducia alla Camera e della manifestazione delle destre davanti a Montecitorio che è stata teatro di eclatanti episodi di apologia del fascismo, di cori fascisti e saluti romani.
salutiromani.jpg
E dunque, mentre Mark Zuckerberg cacciava fuori i fascisti da Facebook oscurandone le pagine, centinaia di neofascisti manifestavano a braccia tese, indisturbati e sfidanti, davanti alla Camera, come in una sorta di marcetta su Roma. Ha fatto bene, come dice Serena Sorrentino, Mark Zuckeberg a cacciare i fascisti da Facebook, ma forse sarebbe arrivato il momento di cacciare via il fascismo dalla società e dalla storia. C’è una legge, va solo applicata. Intanto, godiamoci la liberazione dei social.
Fortebraccio News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...