“Il ddl Pillon? Rimarrà nel cassetto”, la ministra Bonetti rottama la legge della vergogna

Non avrà un futuro il ddl Pillon. La nuova ministra alle pari opportunità Elena Bonetti, lo ha rottamato con un semplice tweet: “Se mi hanno lasciato nel cassetto una copia del ddl Pillon? – ha scritto la ministra – non mi sono informata ma per quanto mi riguarda resterà nel cassetto”. La legge 735, da molti definita la legge della vergogna, perché pensata contro le donne, presentata dal senatore leghista Simone Pillon, uno degli organizzatori del Family Day di Verona, noto per le sue posizioni ultraconservatrici, non vedrà dunque la luce.

pillon

Contro il provvedimento, centinaia di migliaia di persone erano scese in piazza – in occasione del congresso mondiale delle famiglie patrocinato dalla Lega di Matteo Salvini – mobilitate dai movimenti delle donne, come “Non una di Meno”, e dai sindacati, in testa la Cgil, che con Susanna Camusso, responsabile delle politiche di genere del sindacato rosso, da mesi si batte contro il ddl Pillon. E proprio su questo blog, l’ex segretaria generale della Cgil, aveva scritto che “la libertà femminile non è una colpa da reprimere”: “Vorremmo sentire “ritirati” i disegni di legge – rilancia oggi Susanna Camusso su Twitter – proprio devono sparire, perché non si apra più quel cassetto nemmeno in futuro”.

forte.png

Fortebraccio News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...