Conte in casa Cgil: “Non confrontarsi con il sindacato è una iattura per un politico”

E’ l’evento più atteso delle giornate del lavoro di Lecce organizzate dalla Cgil, ormai arrivate alla sesta edizione, quello che chiude la tre giorni del sindacato. Il dialogo, sul palco del teatro Apollo, tra Giuseppe Conte e il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. E’ la prima volta che un premier partecipa all’appuntamento che ogni anno si tiene nella città pugliese. Il confronto, previsto per mezzogiorno, inizia con un leggero ritardo dovuto alla ressa di giornalisti che accolgono Conte nell’atrio del teatro.

contelan.jpg

Il teatro è gremito all’inverosimile. Lo speaker annuncia l’ingresso di Conte e Landini che vengono accolti con un lungo applauso. Inizia Landini che saluta e ringrazia il presidente del consiglio a nome della Cgil: “E’ la prima volta che un premier si confronta in questa sede con noi”, ricorda il segretario. “Noi siamo un’organizzazione che ha più di cinque milioni di iscritti, siamo un’organizzazione fondata sulla partecipazione e sulla democrazia, e questa democrazia la vogliamo praticare, a noi non piacciono gli uomini soli al comando. Per noi non è solo piacere ma anche un onore poter parlare con lei, perché è un riconoscimento delle parti sociali e speriamo che da questo dialogo possano uscire cose importanti per  cambiare in megli oquesto paese”.

Parla Conte che ringrazia per l’invito: “Ho accettato molto volentieri. Sono sopreso che sia la prima volta che un presidente del consiglio accetti, rompiamo gli schemi, ma per me è normale. Ci siamo già incontrati 4 o 5 volte a Palazzo Chigi. Il confronto serve a riconoscere il vostro ruolo, siete un’associazione esponenziale e rappresentate una bella fetta della società. Ma poi c’è un problema di metodo: come fa un decisore politico a fare scelte senza confrontarsi? Vi ringrazio perché ci aiutate ad affinare le nostre decisioni. Star chiusi nel Palazzo senza confrontarsi è una iattura per un decisore politico”. Un’affermazione forte e spiazzante, accolta con un lung oapplauso dal pubblico, un deciso cambio di rotta in un paese cui da anni domina la politica della disintermediazione e del non riconoscimento delle parti sociali.

Fortebraccio News

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...