Il docente leghista minaccia gli studenti: “Se vi becco tra le Sardine, renderò la vostra vita un inferno”

Giancarlo Talamini Bisi, insegnante leghista e nostalgico fascista, “minaccia” di punire i propri studenti se “oseranno” manifestare contro Salvini, assieme alle sardine, domani a Fiorenzuola, in provincia di Piacenza. Bisi, docente di italiano e latino, è un sostenitore di Matteo Salvini e, come si evince dalla foto di copertina del suo profilo, è un sostenitore della candidata presidente leghista in Emilia Romagna, Lucia Borgonzoni: “Io sarò presente. Cari studenti, se becco qualcuno di voi, da martedì cambiate aria, nelle mie materie renderò la vostra vita un inferno, vedrete il 6 col binocolo e passerete la prossima estate sui libri. Di idioti in classe non ne voglio. Sardina avvisata”, scrive il docente. Un linguaggio e una minaccia inaccettabile, a maggior ragione se proviene da un educatore. Bisi, dopo essere stato tempestato di proteste, ha rimosso il post e chiuso il profilo. Ma sarebbero già partite segnalazioni al Ministero dell’Istruzione per chiedere un intervento contro il docente.

bisi1.jpg

bisibisi.png

LA REAZIONE DELLA SCUOLA

L’istituto di Istruzione superiore di Fiorenzuola prende le distanze dal post del professore. La dirigenza dell’istituto, “preso atto della notizia che si sta diffondendo sui social riguardo le affermazioni di un proprio docente, comunica di aver già informato del fatto gli organi superiori dell’amministrazione scolastica al fine di adottare le misure opportune. Si sottolinea l’estraneità della scuola dalle affermazioni del docente in questione”. La scuola, secondo quanto si apprende, è già in contatto con il ministero all’Istruzione e l’ufficio scolastico regionale.

bisi4.png

LE REAZIONI DELLA POLITICA

“A tutela dei diritti degli studenti e della stessa scuola ho attivato gli uffici del Miur per verificare i fatti e procedere con provvedimento immediato alla sospensione”, ha scritto su Facebook il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. “Educare al rispetto dei principi della Costituzione è uno dei fondamenti dell’istituzione scolastica, tra questi vi sono certamente il diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero ed a partecipare alla vita pubblica secondo i modi garantiti dalla Costituzione stessa. La scuola è inclusiva e, per definizione, deve educare al pensiero critico e indipendente. Anche il corpo docente, nell’esercitare la sua importantissima funzione, deve attenersi a questi principi, trasferendoli agli studenti, per non venir meno ai suoi doveri. Non sono perciò assolutamente ammissibili condotte lesive di tali valori, o che addirittura mettano a rischio la fiducia della comunità scolastica”.
Sulla vicenda è intervenuta la viceministra Anna Ascani: “Un insegnante che offende e promette di penalizzare gli studenti solo perché vorrebbero partecipare alle manifestazioni delle sardine, usando turpiloquio e minacce non troppo velate. Non è un comportamento tollerabile. Mi attiverò affinché si prendano provvedimenti. Nessuno può essere discriminato per le proprie idee, tantomeno nella scuola”. Il sottosegretario Peppe De Cristofaro ha annunciato che chiederà “all’ufficio scolastico regionale di fare i dovuti accertamenti, perché siamo di fronte ad una situazione inaccettabile”. “È evidente – prosegue l’esponente di Liberi e Uguali – che un docente non può permettersi un linguaggio e un comportamento del genere. Sono certo che verranno presi al più presto – conclude De Cristofaro – tutti i necessari provvedimenti per tutelare l’istituzione scolastica pubblica, l’istituto in cui lavora, e gli studenti di quella scuola”. “Una presa di posizione inaccettabile da parte di chi dovrebbe educare i giovani alla libertà, per la quale i nostri padri e nonni sono morti – scrive su Twitter la ministra dei Trasporti Paola De Micheli – Il ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti mi ha assicurato che interverrà con la massima fermezza”.
MATTIA SANTORI: “LE MINACCE NON CI FERMERANNO”
Anche Mattia Santori, una delle quattro Sardine bolognesi che hanno lanciato il movimento, ha commentato la vicenda: “Posto che non sarà una minaccia a fermare questa ondata di partecipazione civica – spiega Santori – riteniamo che sia la dimostrazione del fatto che la democrazia è un concetto molto meno scontato di quanto si pensi in Italia. E auspichiamo che chi di dovere prenda provvedimenti in merito”.
Da giorni, Giancarlo Talamini Bisi è impegnato in una crociata contro le Sardine. Ecco cosa scriveva il 21 novembre.

bisi5.png

Il Blog “Il Futuro è” ha realizzato un “Bestiario” dedicato al docente leghista.

NOTA: Ci scrive Vincent Lemma, presidente dell’associazione Sos Segugi, che si occupa in maniera lodevole del soccorso ai cani maltrattati, precisando che Talamini Bisi non è associato dell’associazione a differenza di quel che potrebbe far pensare il logo presente nella sua immagine di copertina. Approfittiamo per invitare tutti ad iscriversi alla pagina dell’associazione e a sostenerla.

Fortebraccio News

37 pensieri riguardo “Il docente leghista minaccia gli studenti: “Se vi becco tra le Sardine, renderò la vostra vita un inferno”

  1. Anche un pirlone fascistoide come questa sottospecie di insegnante, ha il diritto di pensarla come vuole, quello che non ha assolutamente diritto di fare, è di minacciare, o peggio, agire per mettere in difficoltà i suoi studenti. Andrebbe mandato a spasso e un un posto da netturbino forse lo troverebbe.

    "Mi piace"

    1. Credo che se si ci ferma ad una notizia che può essere falsa o bufala si dà modo ad alcuni modelli di fare la sfilata e mettersi in evidenza siate superiori non cadete in chiacchiere da piazza

      "Mi piace"

  2. Caro Professore Leghista (è dir poco)..credo che il tuo posto sarebbe da surrogare con uno da impiegato d’ordine. Non hai cervello x guidare una classe o delle classi dopo le tue affermazioni e minacce. Se fossi il Ministro controllerei e ti toglierei l’insegnamento immediatamente.

    "Mi piace"

  3. Averne di prof come il leghista. Che pena sti ragazzini che pensano di essere consapevoli e non si rendono conto che li hanno intortati dall asilo in su. Magari un giorno si sveglieranno, e comprenderanno che l’Italia è un regime rosso dove se esci dal coro di caprette che la scuola la magistratura i media CONDIZIONANOe FORMANO su commissione dei poteri finanziari, sei attaccato violentemente, ti insultano, ti menano, ti etichettano da fascista…. In nome della “democrazia”…. Poveri pesciolini che pena fate!

    "Mi piace"

    1. Che mi risulti,”L’intortamento avveniva nelle GIL di mussoliniana memoria con relativo lavaggio del cervello dei giovani del Littorio. Intortamento che poi ha portato molti italiani in p.zza Venezia a Roma ad osannare entusiasticamente il Duce che comunicava l’entrata in guerra al fianco dei nazisti con tutto quello che ne è sopravvenuto. Attento dunque caro anonimo de “le sardine puzzano” a fare come i buoi che danno del cornuto all’asino.Questi sono ragazzi consapevoli che studiano e mai,dico mai andrebbero a Pian del Re al seguito di uno sciamano volgare e ignorante ad adorare il Dio PO! Quelli sono gli imbecilli analfabeti della Lega aderenti al risorgente neofascismo del capitan felpetta!

      "Mi piace"

      1. Che questi siano consapevoli è solo il tuo rispettabile punto di vista mio caro. Per fortuna il dio po non lo adora più nessuno, mentre a sinistra si “continua ad adorare, di volta in volta, sempre nuovi dei o ambigue santone, con treccine o rasta in testa, a scelta!

        "Mi piace"

    2. Negare con le minacce il diritto a manifestare è esattamente e precisamente il fascismo.
      Chi impedisce a qualcuno di esprimere il suo pensiero qui è un sostenitore della Lega. Punto.

      "Mi piace"

    3. Certo chiamarsi “LE SARDINE PUZZANO” già la dice lunga, ma quello che dice questo signore mi fa pensare che si deve essere fatto di quella roba che hanno sequestrato a quell’assessore leghista al casello.

      "Mi piace"

  4. Ma se è vero che il prof abbia detto ciò ai ragazzi lo avrà detto per scherzare oppure per il loro bene .. Comunque io in primis Non permetterei ai miei figli di frequentare gente pericolosa come le sardine che augurano la morte agli altri .. Gridare la morte di Salvini è una Vergogna!!!! Gente che usa la testa solo per consumare shampoo ..
    La morte non si augura a nessuno
    Non augurare agli altri il male che non vuoi sia augurato a te. Sono vicina al pensiero del professore!

    "Mi piace"

    1. Signora Antonella prima di straparlare a casaccio senza sapere, si informi, in nessuna delle manifestazioni delle sardine, nessuno a chiesto o augurato la morte a nessuno…. Tanto è o quella di Salvini, e bene che viva al lungo altrimenti come faremo a ridere tutti i giorni delle bufale e bugie che racconta. Inoltre a la sfortuna o difetto di non avere memoria, non ricorda neppure le date dei provvedimenti firmati da lui e gli addebita ad altri…. Sappia che il motto delle sardine è “Bologna o Modena o Sorrento o Palermo o Firenze o Piacenza NON SI LEGA” e via via dove andranno sarà questo lo slogan…. Lunga vita al suo capitano!!!!

      "Mi piace"

      1. Mamma mia che SPOCCHIOSi sti sinistri. Si credono, immotivatamente, gli unici illuminati. Parlano di democrazia e poi impediscono a chi dissente di farsi ascoltare, con la benedizione del mortadella e magari gli aiutini di soros. Solo in Italia anziché manifestare contro i governi in carica si manifesta contro le opposizioni! Che fulgido esempio di democrazia e libertà! Ipocriti. Comunque continuate così che fate prendere a Salvini il 90%! C’è proprio puzza di regime rosso qua dentro. Meglio cercare ARIA PURA E PULITA altrove, dove davvero tutti possono parlare ed essere rispettati, anche se NON ALLINEATI. Spirito critico ZERO nei sinistri.

        "Mi piace"

      2. Brava Antonella almeno qualcuno su questo spazio che usa il cervello prima di sparare insulti oppure luoghi comuni e frasi fatte pre-confezionate. Ps…. Pare che dietro le sardine “verginelle spontanee ed innocenti” ci sia proprio il MULTIMILIARDARIO soros. La puzza di pesce avariato si fa insopportabile.

        "Mi piace"

  5. “Di idioti in classe non ne voglio, sardina avvisata”
    Di idioti in classe non ne vogliamo..,
    coglione di Talamisi Bini avvisato..!!
    Fuori dall’insegnamento..!!!
    Puozzittosang..,
    buttato a mare in un branco di sardine!

    "Mi piace"

    1. “Sardine, Paolo Mieli a Tagadà: “Destinate a sciogliersi. Di solito si protesta contro chi governa”……
      Ma siamo in Italia, in un regime rosso, e quindi tutto ciò che minaccia lo strapotere che questi ducetti giallo rossi hanno preso con i giochini di palazzo senza avere le palle per passare da elezioni libere e democratiche viene fermato con qualunque mezzo lecito o illecito. E poi si riempiono la bocca di “democrazia”!!!!

      "Mi piace"

      1. Stai parlando del tuo armonioso ed equilibrato linguaggio vero giuliano? Da qualunque parte uno stia, dxx o sin, se ad argomenti non ha altro da contrapporre che paroloni sgradevoli e astiosi, forse ha qualche problema affettivo da risolvere.

        "Mi piace"

  6. Voglio che i fascisti abbiano piena libertà di espressione nella Repubblica Italiana, nata dalla resistenza antifascista e dal sacrificio di decine di migliaia di partigiani. Per via delle sue parole, che la dicono sul fascismo in Emilia, mi rammarico che all’epoca sia durata poco l’operazione repulisti.

    "Mi piace"

  7. Poveretta sei una disgraziata, come fai a non capire niente cosi? Lui se è vero, ha una spigazione logica, questo uomo non è uno stupido, ripeto se è vero, questa sua uscita, gli serve per avere una opportunità per andare alla corte del salvatore Matteo, questo uomo é furbo, si è servito dei suoi alunni per far sapere al gruppo Salviniano, che lui un “professore” è pronto a servire il Re Salvini, e se è vero, verrà chiamato da chi rappresenta Salvini, per avere un ruolo nella sua corte pertanto, secondo me, è meglio non parlarne di conseguenza non si avverrà il piano,del professore furbacchione

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...