Trovato l’accordo sulle regolarizzazioni dei migranti

Dopo una estenuante giornata di trattative, la maggioranza ha trovato, poco prima di mezzanotte, l’accordo per la regolarizzazione dei migranti che interesserà, oltre ai braccianti agricoli anche colf e badanti.  Il testo  è frutto di una mediazione, andata avanti fino a tarda notte, tra il ministro dem Peppe Provenzano e il reggente del Movimento Vito Crimi. Un patto che dovrebbe sbloccare già oggi il ben più ampio decreto Rilancio. Nella, l’accordo notte ha ottenuto anche il via libera del Viminale, che è  materialmente impegnato nella stesura della norma.

PROVENZANO

“L’accordo sulle regolarizzazioni dei lavoratori è stato raggiunto. Anche per colf e bandanti. E anche per gli italiani. Non per le braccia, ma per le persone. Non era questione di bandierine, ma di dare risposte a chi aspettava da tempo legalità e diritti”, ha dichiarato Provenzano.

“Sul tema dei lavoratori stagionali è stato  raggiunto un accordo che ritengo soddisfacente, frutto di un testo modificato e migliorato rispetto a quello di domenica scorsa, che accoglie nostre esplicite richieste e mette al centro il lavoro regolare”, ha detto Crimi.

In aggiornamento

Fortebraccio News

 

2 pensieri riguardo “Trovato l’accordo sulle regolarizzazioni dei migranti

  1. Buon Giorno,io ho un permesso di soggiorno richiedente asilo, ho già fatto una richiesta ma ho ricevuto un responso negativo, ma a causa della recente pandemia del covid-19 il mio permesso è scaduto, quindi vorrei chiedere se è possibile fare una nuova richiesta in questa sanatoria dato che sono un richiedente asilo.
    Grazie

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...