Paradisi fiscali, Vasco Rossi sfotte gli Agnelli: “La mia residenza in Italia è scolpita nella pietra”

Nel dibattito sui paradisi fiscali, che in questi giorni monopolizza il dibattito politico, è entrato oggi in scivolata nientemeno che Vasco Rossi. Con un post su Instagram il rocker di Zocca fa il verso a John Elkann, presidente di Fca, che ha dichiarato che “i patti sono scolpiti nella pietra” e che dunque non rinuncerà  al maxi-dividendo straordinario da 5,5 miliardi di cui 1,6 alla holding Exor, di cui è presidente, previsto nell’intesa per la fusione con Psa. Parole che hanno suscitato l’indignazione di tanti e tra questi anche Vasco Rossi: “la mia residenza in Italia è scolpita nella pietra”, ha ironizzato la rockstar sottolineando che lui le tasse le paga fieramente in Italia. Contro il gruppo automobilistco italo-americano nei giorni scorsi si è scatenata una grande polemica dopo che l’azienda, con sede fiscale in Gran Bretagna e sede legale in Olanda, ha chiesto al governo italiano garanzie su un prestito da 6,3 miliardi di euro.

vasco

Fortebraccio News

 

8 pensieri riguardo “Paradisi fiscali, Vasco Rossi sfotte gli Agnelli: “La mia residenza in Italia è scolpita nella pietra”

  1. Sarebbe ora di finirla in Italia le tasse se si è capienti si pagano come pure li stato deve aiutare chi non c’è la fa siamo una Repubblica fondata sul lavoro i diritti l’onestà e la suddivisione di tutti i beni questa è Democrazia.

    "Mi piace"

  2. Ma non solo gli agnelli (a me sembrano lupi famelici!) devono rinunciare al maxi dividendo, chiedendo quindi gli 800 milioni di euro della differenza, casomai, ma anche i manager, i supermanager di stato e non, dovrebbero rinunciare ad almeno un’annata di proventi, e si dovrebbe bloccare il prossimo referendum voluto dai renziani,dalla destra e Salvini ( che prima l’aveva votato) per riammettere il vitalizio e la Casellati Mazzanti Vien dal Mare dovrebbe rinunciare ai suoi, ricca sfondata che è!!!!! LADRIIl

    "Mi piace"

  3. La FCA, ammesso che Rossi sappia che vuol dire, dà lavoro a decine di migliaia di persone, negli Stati Uniti ed in molte nazioni dell’Europa, tra cui l’Italia e nel resto del mondo! ….il sig. Rossi, con la sua “stabile residenza in Italia”, quanti dipendenti annovera al suo libro paga e quante famiglie mantiene?? Le multinazionali e questo è la FCA hanno il diritto di stabilirsi dove più gli conviene, visto che danno da mangiare non solo agli Italiani!!
    …ma mi faccia il piacere, avrà chiesto anche l’indennità Covid…

    "Mi piace"

    1. La fca ha ricevuto dallo stato italiano sino ad ora documentati la bellezza di 75 miliardi ed ora per non pagare le tasse all’italia ha trasferito la sede in Olanda le sembra corretto?

      "Mi piace"

      1. Non per non pagare le tasse: per pagarne meno! D’altra parte lo sanno tutti che in Italia le tasse sono esageratamente più alte che altrove!

        "Mi piace"

    2. Nessuno può obbligare ad FCA di avere la residenza fiscale in Italia o a non elargire il dividendo di 5 miliardi e mezzo, ma nemmeno FCA può pretendere di avere u prestito garantito, non già da FCA, ma dallo stato al 75%, il che significherebbe che se FCA non dovesse onorare il prestito concesso lo stato dovrebbe pagare.

      "Mi piace"

    3. Forse è lei che non sa quanti lavoratori ci sono dietro ai concerti evento di Vasco, non sa quanti lavoratori ci sono dietro la “costruzione” di un nuovo album. Lei di questo non sa nulla e, d’accordo che c’è la libertà di parola ma per vergogna personale dovrebbe tacere. Farebbe una figura migliore, mi dia retta. Certo che le persone che Vasco fa lavorare non sono tante quante quelle del gruppo FCA ma vanno rispettate tutte.

      "Mi piace"

      1. Questa intervista è stata pubblicata da Repubblica il giorno prima di Ferragosto 2010 e l\’intervistato è nientemeno che la rock star Vasco Rossi, finito nel mirino del fisco per una società, da lui posseduta al 90%, a cui è intestata la barca «Jamaica». Indispettito perché la notizia era trapelata sulle agenzie, dopo aver dichiarato «sono un cittadino onesto», il cantante ha spiegato:

        «Ho usato questa cautela per mettere un limite a eventuali ritorsioni contro la mia persona fisica per eventuali danni causati dalla barca o dall\’equipaggio a terzi. Trovo questo oltre che lecito anche ragionevole e per nulla elusivo. Anche il mio cane è intestato a una società, perché se morde qualcuno si pagano giustamente i danni, ma si evita che qualcuno possa approfittarsene».

        Diceva mio nonno….”tutti figli a zia Rosa…” quando si tratta di tasse, imposte e balzelli vari!
        Chissà dove avrà la sede fiscale la società “Jamaica”…

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...