Referendum, Zingaretti travolto da una valanga di no

Nicola Zingaretti prova a spiegare alla propria base le ragioni del suo sì (condizionato all’approvazione di una nuova legge elettorale) al taglio del parlamento promosso dai Cinque Stelle. Lo fa attraverso Facebook, rilanciando l’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera: “Sosteniamo da sempre la riduzione del numero dei parlamentari”, scrive il segretario del Pd. “Per anni abbiamo presentato proposte di legge su questo. Per votare Sì e far nascere il Governo abbiamo chiesto modifiche ai regolamenti parlamentari e una nuova legge elettorale, per scongiurare rischi di distorsioni nella rappresentanza e tutelare adeguatamente i territori, il pluralismo e le minoranze. Tutta la maggioranza ha sottoscritto questo accordo, ora faccio un appello affinché sia onorato. Se c’è la volontà politica si può fare molto.”

zinga2

Apriti cielo. Una valanga di commenti, migliaia, in cui gli elettori Pd contestano la posizione di Zingaretti. “Caro Zingaretti, – scrive Maria Luisa – in assenza di una adeguata legge elettorale, io al referendum voterò NO”. Aggiunge Fabrizio: “Non sono d’accordo. Voterò convintamente per il NO. E non ci sono accordi politici basati sull’opportunità di convergere con i 5 stelle che potranno farmi cambiare idea”. E ancora, commenta Simona: “Ma state scherzando? Voterò convintamente NO a questo referendum, io donna di sinistra da tutta la vita. Perché la democrazia e la rappresentanza popolare va garantita”. Insomma, la base Pd non sembra tanto entusiasta della posizione del segretario.

zinga

zingaretti2

Fortebraccio News

3 pensieri riguardo “Referendum, Zingaretti travolto da una valanga di no

  1. Modificare la Costituzione è cosa di grande impegno e grande responsabilità e non posso neppure immaginare di farla stravolgere da incapaci , ignorantelli che farebbero so gravi danni. Inoltre, prima si cambia la legge elettorale, poi per ottenere un serio risparmio si tagliano gli stipendi e i vari benefit a tutti i parlamentari e se uno vorrà cambiare bandiera, andrà a casa. Votiamo con convinzione NO.

    "Mi piace"

  2. Dove eravate quando il PD ha votato contro l’art. 18 la Fornero tagli alla sanità scuola e pensioni? I parlamenti come Cina e Russia con tanti parlamentari sono democrazia? In tutta Europa meno parlamentari e più democrazia che in Italia!

    "Mi piace"

  3. Un partito sfalsato e in decomposizione ideologica non è in grado di gestire la riforma elettorale di un Paese democratico.
    Sono 28 anni che i cittadini non possono esprimere il voto di preferenza per eleggere deputati e senatori.
    Ora se saranno di meno diventeranno più facilmente controllabili: entra chi prende il patentino fedeltà al capobastone. Un sistema più èprossimo al feudalesimo che ad una democrazia moderna.
    Dopo il secondo dopoguerra non siamo mai stati messi così male.
    Incompetenza e pressapochismo regnano sovrani.
    Restituiteci quel potere popolare che la Costituzione ci ha dato.
    E trovatevi un lavoro FUORI dal Parlamento.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...