Il No è il vero voto anticasta

C’è una domanda che in questi giorni gira sui social. Una domanda che ancora non ha trovato risposta, benché venga posta ripetutamente ai big politici dei vari schieramenti : perché tagliare gli eletti e non gli stipendi e i privilegi dei parlamentari? Già, perché i privilegi continueranno ad esserci anche dopo il 21 settembre, che vinca il sì o che vinca il no. E anzi, difficilmente potrebbero essere messi in discussione di fronte ad una vittoria dei Sì che, come dice ieri Romano Prodi sul Messaggero, argomentando il suo No, potrebbe fare affermare l’idea che “la diminuzione del numero dei parlamentari costituisca una riforma così importante per cui non ne debbano seguire le altre”.

pro

Eppure, sarebbe stato addirittura più semplice abolire i privilegi: bastava un voto in Parlamento, che non avrebbe richiesto nemmeno il referendum confermativo. E in più, si sarebbero ottenuti risparmi ben più cospicui dei 90 centesimi all’anno, sempre che abbia senso parlare di “risparmio” quando si parla di democrazia. Soprattutto quando, poi, si tagliano i parlamentari eletti e si ingrossano gli staff tecnici, le consulenze, le nomine, senza badare a spese.

dimaioester

Ma non l’hanno fatto. Non hanno mai votato l’abolizione dei privilegi. E non c’è da sperare che lo faranno mai, a maggior ragione di fronte ad una “Casta” ancora più ristretta e potente, un’oligarchia impenetrabile. Una vera Casta di intoccabili, in attesa che in qualche futuro chissà, possa pure sparire quell’inutile orpello che è il Parlamento, come profetizzava nel luglio 2018 Casaleggio.

parlamentocasaleggio

E invece si decide la strada impervia e pericolosa della modifica costituzionale: quattro voti in parlamento e un referendum confermativo, per di più mettendo mano alla Costituzione. Per cosa poi? Per segare 345 rappresentanti del popolo che probabilmente saranno pure i più “sacrificabili”, i più liberi, i più scomodi, i più capaci, i meno “affidabili”, quelli che lavorano, a tutto vantaggio dei più assenteisti (come risultano essere personaggi come Giorgia Meloni e Vittorio Sgarbi), che in Parlamento, taglio o meno, continueranno a starci. E per ritrovarsi poi un Parlamento a 600, pieno di nominati e peones. E non c’è da meravigliarsi se poi qualcuno “sospetta” che il taglio del Parlamento, per il quale hanno votato quasi tutti i partiti, sia in realtà solo uno un’arma di distrazione di massa per evitare i più spaventevoli tagli dei privilegi o addirittura la riduzione degli stipendi alle medie europee. Perché c’è una cosa che non si ricorda spesso, nemmeno tra chi va comparando il numero dei parlamentari italiani a quelli degli altri paesi europei. E cioè che in Italia ci sono i parlamentari più pagati d’Europa.

stipendi

Non a caso, commenta qualcuno, la “Casta” ha votato compatta sì per tagliare il Parlamento, compresa la destra, l’unica che ha tutto da guadagnare da una vittoria del Sì, come ricorda Franco Bechis in un articolo diventato virale. Di certo c’è però che votando sì, si vota come la “Casta”. Cioè come la Casta ha votato in Parlamento, quasi unanimemente. E di certo c’è pure che la “Casta” non vota mai contro se stessa. Per questo il Sì è un voto di arretramento, perché se da una parte taglia 345 eletti collocando l’Italia all’ultimo posto in Europa nel rapporto eletti-elettori, dall’altra cristallizza e perpetua un’inaccettabile situazione di privilegi. E per questo il No è un voto contro la Casta, come dice la presidente dell’Anpi Carla Nespolo. Un voto costituente, che chiede come primo atto il taglio immediato degli stipendi e dei privilegi e poi una legge elettorale che preveda le preferenze. Di fronte ad una vittoria del No il ceto politico non potrà sottrarsi a queste pressanti richieste dei cittadini, di tutti i cittadini, di quelli che voteranno sì e di quelli che voteranno no.

Fortebraccio News

6 pensieri riguardo “Il No è il vero voto anticasta

  1. Voto SI..anche per rispettare la volonta’ dei nostri vecchi combattenti che con la falce e il martello hanno sacrificato anche la propria vita contro tutte le massonerie, parassiti mafiosi e delinquenti ai comandi della nostra nazione .

    "Mi piace"

  2. A rigore dall’affermazione di Prodi che “il numero de parlamentari non è il vero problema” non segue che di debba votare NO. Segue che un SI non sarà risolutivo del problema che ha in mente Prodi. Bisogna anche ricordare che DI OGNI problema si può dire con qualche fondamento che non è esso IL VERO PROBLEMA…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...