Salvate il soldato Gigi

Adesso Luigi Di Maio promette. Promette che il 22 settembre, il giorno dopo il voto referendario, metterà mano ai privilegi e agli stipendi dei parlamentari. Lo dice nelle piazze pugliesi che sta battendo in questi giorni per sostenere il Sì e i candidati alle elezioni regionali e lo ripete in un video, uno dei tanti pubblicati ieri sui social, in cui si dice “arrabbiato” per le “cose da smontare che girano sul referendum”. In due video distinti, Nicola Morra, Danilo Toninelli e tante seconde e terze file del Movimento, aprono addirittura alle preferenze. Cosa sta succedendo? Cosa è cambiato da quella fine di luglio in cui il No era dato sotto il 10% e i big pentastellati pregustavano, forse un po’ tracotanti, il gol a porta vuota che avrebbero fatto il 20 settembre. E dunque, cosa succede?

dimaiopatto

Succede che il No nel frattempo cresce. Cresce al punto che la sua portata non è “quantificabile”, nemmeno dai sondaggi, che pure registrano fenomeni esponenziali di crescita: l’ultimo, diffuso da Mentana, lo dà dentro una forbice che arriva al 35%. Ma mancano ancora quindici giorni e può accadere di tutto. A monitorare i social, le pagine (contestatissime) dei big Cinquestelle, o i gruppi dei partiti (di tutti i partiti) autorganizzati dai militanti, se ne ricava una sensazione netta: Il no non solo cresce, ma dilaga. Una moltitudine di no, che mettono in allarme il quartier generale grillino. E allora Di Maio promette, cerca un patto con gli elettori, dicendosi disposto a mettere sul piatto, in tempi rapidi, l’abolizione dei privilegi e una nuova legge elettorale che preveda le preferenze. E anche il Fatto Quotidiano, principale “partner” referendario del Sì, abbassa i toni dopo gli attacchi dei giorni scorsi rivolti da Marco Travaglio ai sostenitori del No.

bacheca
Dalla bacheca di Di Maio

La sensazione è, però, che il referendum, il referendum più pazzo del mondo, così lo definisce qualcuno, sia come una macchina che corre in discesa senza freni, a tutta velocità, verso il 20 settembre, quando gli italiani, per la prima volta nella storia, si recheranno alle urne nell’inedito e contesto delle misure anti-contagio.

Un referendum che il no sta già vincendo, imponendo l’agenda politica, a differenza di un sì il cui più grande limite è l’essere politicamente incondizionato, un “atto di fede” verso una classe politica che dice di voler “tagliare” ma che poi, nei fatti, “salva” e “legittima”. E che anzi rende più forte e potente, una oligarchia, come la chiama Sabino Cassese, o una “Casta, come la chiama Antonio Gramsci, ancor prima di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, che si perpetuerà, nella sua forma più “ristretta”, nell’eventuale prossima legislatura a 600.

Mancano due settimane al “D-Day”. La battaglia politica infuria nei partiti. Domani, la direzione del Partito Democratico, deciderà la linea sul referendum. Una posizione non facile, quella di Nicola Zingaretti, che deve fare i conti con una base spaccata in due. In teoria, il Pd sarebbe per il No (e no ha votato per tre volte in Parlamento) ma per una forma di lealtà verso l’alleato di governo,  darà  indicazioni per il Sì, con libertà di voto. Salvini e Meloni, continuano a saltare da una piazza all’altra, apparentemente disinteressati al referendum. Ma la base leghista e quella di Fratelli d’Italia, voteranno no. Del resto, lo stesso Salvini (come testimonia un video che gira sui social) quasi incoraggia i militanti leghisti a fare una scelta diversa dalla sua, che “per coerenza” voterà sì.

 L’ennesima tegola sui Cinquestelle. Che adesso si trovano nel cul de sac di un Sì al taglio del parlamento che non sembra avere più padri, semmai ne abbia avuti. Un cul de sac da cui ora Luigi Di Maio prova ad uscire. Promettendo e arrabbiandosi. E con l’incubo di quel no che scorre come un fiume carsico nel ventre del Paese.

Fortebraccio News

IL NO E’ IL VERO VOTO ANTICASTA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...